Ravenna Byroniana

RAVENNA BYRONIANA: un itinerario dedicato all'arte, alla letteratura e alla poesia, volto a far conoscere la figura del grande poeta inglese senza trascurare il mosaico, vero patrimonio di cui la città di Ravenna è custode.

 

PER GRUPPI FINO A MAX 25 PERSONE

 

1 GIORNO:

€ 75,00 a persona

La quota comprende: visita guidata con una guida professionista per una giornata intera a Ravenna dedicata ai luoghi frequentati dal poeta, 1 pranzo in ristorante del centro a Ravenna con menù tipico della tradizione, biglietto cumulativo per i monumenti Unesco (Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Battistero Neoniano, Cappella di Sant’Andrea, Basilica di Sant’Apollinare Nuovo)

La quota non comprende: assicurazione e tutto quanto non indicato nella “quota comprende”

 

PROGRAMMA

Mattino

Piazza San Francesco

Il tour inizia da Piazza San Francesco, in passato chiamata Piazza Byron, dove una targa commemorativa ricorda la figura di Lord George Gordon Byron. Quando il poeta arrivò per la prima volta a Ravenna soggiornò all'Hotel Imperiale che si trovava dove oggi sorge la Biblioteca Alfredo Oriani, tra la Piazza e la Tomba di Dante Alighieri.           

Byron e Dante condivisero un destino comune: l'esilio. In

onore del grande poeta italiano Byron compose a Ravenna

 il poema intitolato “La profezia di Dante”.

Si trascorre parte della mattinata nella Piazza illustrando i legami tra il poeta e la città e visitando i monumenti che la circondano: la Tomba di Dante, la Basilica di San Francesco e la sua cripta, costantemente invasa dall'acqua di falda a causa del fenomeno geomorfologico della subsidenza, il Palazzo della Provincia, anticamente sede dell'Hotel Byron.

 Si visita successivamente la Biblioteca Classense, antico Monastero dell'ordine Camaldolese. Alcuni oggetti che ripercorrono la vicenda amorosa tra il poeta e la Contessa Guiccioli sono gelosamente conservati in questo edificio: si tratta del Fondo Byroniano ovvero ritratti, ciocche di capelli, amuleti. Di grande rilievo, le oltre 149 lettere che il poeta scrisse alla Contessa in un italiano dallo stile intimo e passionale. Molti di questi preziosi documenti saranno trasferiti nel Palazzo Guiccioli, attualmente in fase restauro.

 

Pausa pranzo in ristorante del centro con menù della tradizione

 

Pomeriggio

 

La Contessa Teresa nacque a Palazzo Gamba, oggi proprietà privata. Non lontano dal Palazzo si trova un piccolo giardino recentemente a lei dedicato, il Giardino Teresa Gamba Guiccioli. Questi luoghi offrono l'opportunità di delineare la figura di questa colta nobildonna dell'aristocrazia ravennate alla quale Byron dedicò bellissimi versi. Teresa era una donna dalle idee liberali e fu grazie a lei e a suo fratello, Pietro Gamba, che Byron iniziò ad interessarsi e ad impegnarsi nelle questioni politiche del tempo.

Per ben tre volte capitale tra il V e il VI secolo d.C., Ravenna ancora oggi è un luogo indescrivibile e unico al mondo, che consente al visitatore di effettuare uno straordinario viaggio nel tempo dove ammirare i capolavori meglio conservati dell’arte paleocristiana e bizantina esistenti in Italia.

Mausoleo di Galla Placidia

Nel pomeriggio si visitano: la Basilica di San Vitale capolavoro dell’arte e dell’architettura del Cristianesimo delle origini, con i famosi mosaici che ritraggono gli Imperatori bizantini Giustiniano e Teodora; il Mausoleo di Galla Placidia, uno “scrigno magico” che accoglie nelle sua piccola struttura i mosaici del V secolo più belli del mondo; il Battistero della Cattedrale, un prisma ottagonale edificato alle soglie del V secolo, agli inizi della storia di Ravenna come capitale dell’Impero Romano d’Occidente. La giornata si conclude con la visita al Museo arcivescovile dove si potrà ammirare la Cappella di Sant’Andrea e la Cattedra eburnea del Vescovo Massimiano, il più prezioso manufatto in avorio che il mondo antico ci abbia tramandato.

 

 

OPPURE

 

Max 25 persone con bus

Oppure max 7 persone con auto

 

 

2 GIORNI :

€ 195,00 a persona

La quota comprende: 1 notte in hotel 3* in centro a Ravenna (pernottamento e prima colazione)*, visita guidata con una guida professionista per due giornate intere a Ravenna dedicate ai luoghi frequentati dal poeta, 2 pranzi in ristorante del centro a Ravenna con menù tipico della tradizione, biglietto cumulativo per i monumenti Unesco (Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Battistero Neoniano, Cappella di Sant’Andrea, Basilica di Sant’Apollinare Nuovo), ingresso al teatro Alighieri, ingressi ai monumenti statali (Mausoleo di Teodorico- Basilica di Sant’Apollinare in Classe), ingresso al Battistero degli Ariani, ingresso al MAR

La quota non comprende: trasporto, tassa di soggiorno, assicurazione e tutto quanto non indicato nella “quota comprende”

Trasporti quotati a parte a seconda del numero di persone

* A disposizione per apportare eventuali modifiche alla tipologia di hotel, inserendo, nel caso, anche il trattamento di mezza pensione

 

PROGRAMMA

PRIMO GIORNO

Mattino

Il tour inizia da Piazza San Francesco, in passato chiamata Piazza Byron, dove una targa commemorativa ricorda la figura di Lord George Gordon Byron. Quando il poeta arrivò per la prima volta a Ravenna soggiornò all'Hotel Imperiale che si trovava dove oggi sorge la Biblioteca Alfredo Oriani, tra la Piazza e la Tomba di Dante Alighieri.

Byron e Dante condivisero un destino comune: l'esilio. In onore del grande poeta italiano Byron compose a Ravenna il poema intitolato “La profezia di Dante”.

Si trascorre parte della mattinata nella Piazza illustrando i legami tra il poeta e la città e visitando i monumenti che la circondano: la Tomba di Dante, la Basilica di San Francesco e la sua cripta, costantemente invasa dall'acqua di falda a causa del fenomeno geomorfologico della subsidenza, il Palazzo della Provincia, anticamente sede dell'Hotel Byron.

Si visita successivamente la Biblioteca Classense, antico Monastero dell'ordine Camaldolese. Alcuni oggetti che ripercorrono la vicenda amorosa tra il poeta e la Contessa Guiccioli sono gelosamente conservati in  questo edificio: si tratta del Fondo Byroniano ovvero ritratti, ciocche di capelli, amuleti. Di grande rilievo, le oltre 149 lettere che il poeta scrisse alla Contessa in un italiano dallo stile intimo e passionale. Molti di questi preziosi documenti saranno trasferiti nel Palazzo Guiccioli, attualmente in fase restauro.

 Biblioteca Classense

Pausa pranzo in ristorante del centro con menù della tradizione

 

Pomeriggio

La Contessa Teresa nacque a Palazzo Gamba, oggi proprietà privata. Non lontano dal Palazzo si trova un piccolo giardino recentemente a lei dedicato, il Giardino Teresa Gamba Guiccioli. Questi luoghi offrono l'opportunità di delineare la figura di questa colta nobildonna dell'aristocrazia ravennate alla quale Byron dedicò bellissimi versi. Teresa era una donna dalle idee liberali e fu grazie a lei e a suo fratello, Pietro Gamba, che Byron iniziò ad interessarsi e ad impegnarsi nelle questioni politiche del tempo.

Per ben tre volte capitale tra il V e il VI secolo d.C., Ravenna ancora oggi è un luogo indescrivibile e unico al mondo, che consente al visitatore di effettuare uno straordinario viaggio nel tempo dove ammirare i capolavori meglio conservati dell’arte paleocristiana e bizantina esistenti in Italia.

 

Nel pomeriggio si visitano: la Basilica di San Vitale capolavoro dell’arte e dell’architettura del Cristianesimo delle origini, con i famosi mosaici che ritraggono gli Imperatori bizantini Giustiniano e Teodora; il Mausoleo di Galla Placidia, uno “scrigno magico” che accoglie nelle sua piccola struttura i mosaici del V secolo più belli del mondo; il Battistero della Cattedrale, un prisma ottagonale edificato alle soglie del V secolo, agli inizi della storia di Ravenna come capitale dell’Impero Romano d’Occidente. La giornata si conclude con la visita al Museo arcivescovile dove si potrà ammirare la Cappella di Sant’Andrea e la Cattedra eburnea del Vescovo Massimiano, il più prezioso manufatto in avorio che il mondo antico ci abbia tramandato.

 

SECONDO GIORNO

Mattino

 

Il tour del secondo giorno inizia con la visita della Basilica di Sant'Apollinare Nuovo, la cappella palatina costruita dal re goto Teodorico, di culto ariano, con la più grande decorazione musiva parietale del mondo tardoantico.

 

Teatro Alighieri

Si prosegue con la visita al Teatro Alighieri, uno dei più eleganti teatri storici d'Italia. La sua costruzione risale al 1852 e fu affidata ai fratelli veneziani Tommaso e Gianbattista Meduna, artisti che avevano già collaborato al restauro del Teatro alla Fenice di Venezia. Questo teatro è da oltre due secoli il centro propulsore della scena culturale ravennate.  

(La visita al teatro potrebbe non essere possibile a causa di prove in corso per concerti o spettacoli, in alternativa si propone la visita al Battistero degli Ariani e al Mar - Statua del Guidarello).

 

Pausa pranzo in ristorante del centro con menù della tradizione

 

Pomeriggio

 

Trasferimento con il pullman al Mausoleo di Teodorico, per una visita al capolavoro architettonico del re goto quindi al sito di Classe per la visita della monumentale Basilica cimiteriale consacrata al patrono di Ravenna, Sant'Apollinare.

Situata a cinque kilometri dalla città, a sud est dell'antico Porto di classe, la più luminosa delle basiliche ravennati, la Basilica di Classe vanta una meravigliosa decorazione musiva absidale con la famosa immagine della Trasfigurazione di Cristo sul Monte Tabor in una chiave simbolica. 

 Pineta di Classe

 A conclusione del tour, proponiamo una breve visita alla Pineta di Classe* dove Byron e Teresa amavano cavalcare, un luogo che è stato fonte inesauribile d’ispirazione sia per Byron sia per Dante Alighieri. La giornata terminerà con al visita alla Colonna dei Francesi, monumento sull'argine destro del fiume Ronco, che commemora la famosa battaglia del 1512 su cui scrissero numerosi letterati, tra cui Ariosto, Bembo, Wilde e Byron.

*visitabile solo in caso di bel tempo.

 

OPPURE

 

3 GIORNI :

€ 296,00 a persona

La quota comprende: 2 notti in hotel 3* in centro a Ravenna (pernottamento e prima colazione)*, visita guidata con una guida professionista per due giornate intere a Ravenna dedicate ai luoghi frequentati dal poeta, 2 pranzi in ristorante del centro a Ravenna con menù tipico della tradizione, biglietto cumulativo per i monumenti Unesco (Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Battistero Neoniano, Cappella di Sant’Andrea, Basilica di Sant’Apollinare Nuovo), ingressi ai monumenti statali (Mausoleo di Teodorico- Basilica di Sant’Apollinare in Classe), ingresso al Battistero degli Ariani, ingresso al teatro Alighieri, ingresso al Mar, visita guidata di Bologna per una giornata intera, 1 pranzo in ristorante a Bologna, visita al Compianto del Cristo Morto (Santa Maria della Vita), ingresso al Teatro anatomico, ingresso alla Basilica di San Petronio

La quota non comprende: trasporto, tassa di soggiorno, assicurazione e tutto quanto non indicato nella “quota comprende”

Quotazione dei trasporti a seconda del numero di persone

* A disposizione per apportare eventuali modifiche alla tipologia di hotel, inserendo, nel caso, anche il trattamento di mezza pensione

 

PROGRAMMA

PRIMO GIORNO: RAVENNA

Mattino

Il tour inizia da Piazza San Francesco, in passato chiamata Piazza Byron, dove una targa commemorativa ricorda la figura di Lord George Gordon Byron. Quando il poeta arrivò per la prima volta a Ravenna soggiornò all'Hotel Imperiale che si trovava dove oggi sorge la Biblioteca Alfredo Oriani, tra la Piazza e la Tomba di Dante Alighieri.

Byron e Dante condivisero un destino comune: l'esilio. In onore del grande poeta italiano Byron compose a Ravenna il poema intitolato “La profezia di Dante”.

Tomba di Dante

Si trascorre parte della mattinata nella Piazza illustrando i legami tra il poeta e la città e visitando i monumenti che la circondano: la Tomba di Dante, la Basilica di San Francesco e la sua cripta, costantemente invasa dall'acqua di falda a causa del fenomeno geomorfologico della subsidenza, il Palazzo della Provincia, anticamente sede dell'Hotel Byron.

 Si visita successivamente la Biblioteca Classense, antico Monastero dell'ordine Camaldolese. Alcuni oggetti che ripercorrono la vicenda amorosa tra il poeta e la Contessa Guiccioli sono gelosamente conservati in questo edificio: si tratta del Fondo Byroniano ovvero ritratti, ciocche di capelli, amuleti. Di grande rilievo, le oltre 149 lettere che il poeta scrisse alla Contessa in un italiano dallo stile intimo e passionale. Molti di questi preziosi documenti saranno trasferiti nel Palazzo Guiccioli, attualmente in fase restauro.

 

Pausa pranzo in ristorante del centro con menù della tradizione

 

Pomeriggio

La Contessa Teresa nacque a Palazzo Gamba, oggi proprietà privata. Non lontano dal Palazzo si trova un piccolo giardino recentemente a lei dedicato, il Giardino Teresa Gamba Guiccioli. Questi luoghi offrono l'opportunità di delineare la figura di questa colta nobildonna dell'aristocrazia ravennate alla quale Byron dedicò bellissimi versi. Teresa era una donna dalle idee liberali e fu grazie a lei e a suo fratello, Pietro Gamba, che Byron iniziò ad interessarsi e ad impegnarsi nelle questioni politiche del tempo.

Per ben tre volte capitale tra il V e il VI secolo d.C., Ravenna ancora oggi è un luogo indescrivibile e unico al mondo, che consente al visitatore di effettuare uno straordinario viaggio nel tempo dove ammirare i capolavori meglio conservati dell’arte paleocristiana e bizantina esistenti in Italia.

Basilica di San Vitale

Nel pomeriggio si visitano: la Basilica di San Vitale capolavoro dell’arte e dell’architettura del Cristianesimo delle origini, con i famosi mosaici che ritraggono gli Imperatori bizantini Giustiniano e Teodora; il Mausoleo di Galla Placidia, uno “scrigno magico” che accoglie nelle sua piccola struttura i mosaici del V secolo più belli del mondo; il Battistero della Cattedrale, un prisma ottagonale edificato alle soglie del V secolo, agli inizi della storia di Ravenna come capitale dell’Impero Romano d’Occidente. La giornata si conclude con la visita al Museo arcivescovile dove si potrà ammirare la Cappella di Sant’Andrea e la Cattedra eburnea del Vescovo Massimiano, il più prezioso manufatto in avorio che il mondo antico ci abbia tramandato.

 

SECONDO GIORNO: RAVENNA

Mattino

Il tour del secondo giorno inizia con la visita della Basilica di Sant'Apollinare Nuovo, la cappella palatina costruita dal re goto Teodorico, di culto ariano, con la più grande decorazione musiva parietale del mondo tardoantico.

  Si prosegue con la visita al Teatro Alighieri, uno dei più eleganti teatri storici d'Italia. La sua costruzione risale al 1852 e fu affidata ai fratelli veneziani Tommaso e Gianbattista Meduna, artisti che avevano già collaborato al restauro del Teatro alla Fenice di Venezia. Questo teatro è da oltre due secoli il centro propulsore della scena culturale ravennate.

(La visita al teatro potrebbe non essere possibile a causa di prove in corso per concerti o spettacoli, in alternativa si propone la visita al Battistero degli Ariani e al Mar - Statua del Guidarello).

 

Pausa pranzo in ristorante del centro con menù della tradizione

 

Pomeriggio

Trasferimento con il pullman al Mausoleo di Teodorico, per una visita al capolavoro architettonico del re goto quindi al sito di Classe per la visita della monumentale Basilica cimiteriale consacrata al patrono di Ravenna, Sant'Apollinare.

Mausoleo di Teodorico

Situata a cinque kilometri dalla città, a sud est dell'antico Porto di classe, la più luminosa delle basiliche ravennati, la Basilica di Classe vanta una meravigliosa decorazione musiva absidale con la famosa immagine della Trasfigurazione di Cristo sul Monte Tabor in una chiave simbolica. 

 Colonna dei Francesi

A conclusione del tour, proponiamo una breve visita alla Pineta di Classe* dove Byron e Teresa amavano cavalcare, un luogo che è stato fonte inesauribile d’ispirazione sia per Byron sia per Dante Alighieri. La giornata terminerà con al visita alla Colonna dei Francesi, monumento sull'argine destro del fiume Ronco, che commemora la famosa battaglia del 1512 su cui scrissero numerosi letterati, tra cui Ariosto, Bembo, Wilde e Byron.

*visitabile solo in caso di bel tempo.

 

TERZO GIORNO: BOLOGNA

 Il tour del terzo giorno è dedicato alla città di Bologna. Byron soggiornò brevemente nella città felsinea nel 1819 presso l'albergo del Pellegrino, demolito alla fine degli anni venti del novecento per i lavori di ampliamento di via Ugo Bassi. Non lontano dalle due torri è possibile ammirare una lapide fatta apporre nel 2008 dal Comune di Bologna che ne ricorda l'esistenza e che informa della presenza del poeta inglese come illustre cliente.

In via Galliera 40 sorge Palazzo Savioli, all'epoca proprietà del conte Guiccioli, marito di Teresa Gamba. Il palazzo senatorio bolognese fu il luogo testimone della passione coinvolgente tra Byron e Teresa che si erano appena conosciuti a Venezia. Fu nel giardino di Palazzo Savioli che Byron scrisse la sua prima dichiarazione d'amore a Teresa, nel libro che lei amava di più “Corinne” di Madame de Stael.

 A Bologna Byron fu ben noto e apprezzato nei salotti bolognesi: qui passeggiò lungo i suoi portici e visitò più volte la Certosa e la Pinacoteca.

 

Mattino

Se si arriva in stazione, si percorre via Galliera con breve sosta davanti a Palazzo Savioli, si prosegue in Via Piella con il piccolo scorcio sul Canale di Reno, si arriva infine in Piazza Maggiore che raccoglie importanti testimonianze storiche artistiche della città: la fontana del Nettuno con la grande statua del Dio del mare soprannominata amichevolmente il Gigante, Palazzo Renzo, dove trascorse gran parte della sua vita Enzo, figlio dell'imperatore Federico II di Svevia.  

 San Petronio

Sulla grande piazza rinascimentale si affacciano il Palazzo del Podestà, lo scenografico Palazzo dei Banchi, Palazzo D'Accursio prestigiosa sede del potere comunale ed infine, espressione della libertà dei cittadini, l'incompiuta Basilica di San Petronio dove, al suo interno si può ammirare la meridiana più lunga del mondo e la prestigiosa Cappella Bolognini con gli affreschi quattrocenteschi di Giovanni da Modena. Attraverso il Pavaglione si raggiunge l'Archiginnasio, bellissimo palazzo cinquecentesco con una collezione araldica unica al mondo, sede della più antica Università d'Europa. Al primo piano è possibile visitare il teatro anatomico, l'aula settecentesca usata per le lezioni di medicina ed anatomia.

Bologna è anche cibo, cucina, sapori, mercato, voci, colori, tutto questo lo si può trovare all'interno del quadrilatero, il vecchio mercato di impianto romano che conserva ancora la sua forte matrice popolare. Ed è qui, all'interno del complesso di Santa Maria della Vita, che si trova il Compianto del Cristo Morto, opera scultorea di grande impatto emotivo di Nicolò dell'Arca. La visita si conclude con una passeggiata fino al Palazzo della Mercanzia per arrivare alle Due torri e in Via Ugo Bassi dove si può leggere la targa che ricorda la presenza di Byron presso l'Hotel del Pellegrino.

 

Pausa pranzo in ristorante del centro

 

Pomeriggio

 

Piazza Santo Stefano

Il pomeriggio prevede una passeggiata fino a Piazza Santo Stefano e visita al complesso denominato delle “sette chiese” che, nel progetto originario, avevano la funzione di ricostruire simbolicamente i luoghi della Passione di Cristo, come attesterebbe l'antica denominazione del complesso “Sacra Hierusalem”. La giornata si conclude con la visita all'oratorio di Santa Cecilia in cui è conservato un ciclo di affreschi che raccoglie i principali artisti conosciuti nell'ambito della corte di Giovanni Bentivoglio, signore di Bologna, come Francesco Francia, Lorenzo Costa ed Amico Aspertini.  

Pacchetto valido dal 01-08-2018 al 31-12-2018


PER INFORMAZIONI

Ravenna Incoming
Tel. 0544 421247
Fax 0544 451539
E-mail: info@ravennaincoming.it

Orari di apertura:
dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 15.00

sabato e festivi:
Ufficio Informazioni Turistiche
Piazza San Francesco, 7 - Ravenna
Tel. 0544 482838
E-mail: iat@ravennareservation.it