CONDIVIDI

La Linea Gotica nella bassa Romagna

Percorso per scolaresche (per classi elementari, medie e superiori)

Prezzo a persona: € 20,00 (minimo 20 alunni), n. 2 Insegnanti gratuiti.

Il costo comprende: 2 cicloguide, furgone di supporto, guida ANPI (racconto storico), trasporto bici, ingresso al Museo della Battaglia del Senio, merenda a cura di ANPI.

Itinerario:
Incontro e partenza in bici da Alfonsine, presso il piazzale del museo. Percorso sull’argine del fiume Senio, fino al cippo, in località Rossetta, che testimonia il luogo dello sfondamento da parte degli alleati. Sosta con spiegazioni a cura di ANPI e rientro ad Alfonsine. Tot. Percorso km 13 circa. Ingresso e visita del Museo della Battaglia del Senio, che documenta la fase finale dell'attacco alla "Linea Gotica", il Museo del Senio è diventato ben presto un Museo del territorio romagnolo durante il periodo dell'ultimo conflitto, saldando l'intreccio dei fatti d'arme con la storia delle popolazioni e dei paesi che furono profondamente segnati da quegli eventi. A seguire merenda e racconto da parte dei volontari dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia).
La merenda si può svolgere sia al cippo di Rossetta, sia nel piazzale del Museo.

Info storiche sulla linea gotica: tra il dicembre 1944 e il 10 aprile 1945, Alfonsine fu teatro di cruenti scontri tra tedeschi, alleati e partigiani che combatterono sul fronte, la famosa Linea Gotica ribattezzata anche die Grüne Linie, situato sul fiume Senio.

La Linea Gotica ad Alfonsine
La linea gotica era una linea difensiva costituita da una serie di difese fisse tracciate lungo i crinali dell'Appennino, costruita dai militari tedeschi a partire dal momento dello sbarco Alleato in Sicilia (9 luglio 1943), per impedire che gli alleati raggiungessero la pianura padana, o comunque per rallentare il più possibile la loro avanzata: dalla pianura emiliana, le Alpi e poi la Germania sarebbero state a portata di mano. Utilizzando la dorsale degli Appennini, la Linea Gotica andava da Pesaro sull’Adriatico a Massa Marittima sul Tirreno. Quando in seguito all'attacco su Rimini la linea difensiva tedesca fu ricollocata più a nord, nei primi mesi del 1944, Alfonsine, come altri paesi posti lungo la dorsale del fiume Senio, fu il luogo dove si accampavano le retroguardie delle truppe tedesche che si succedevano al fronte. Nell'estate del 1944, dopo i primi segni di cedimento, Albert Kesselring cambiò il nome della linea difensiva nel meno altisonante linea verde (Grüne Linie). La nuova linea di difesa si attestò in Romagna lungo il fiume Senio. La linea gotica fu attaccata dagli alleati nel settembre del 1944, e benché questi riuscissero a sfondare le prime linee in numerosi punti, non furono tuttavia in grado di portare l'attacco fino in fondo attestandosi per 4 mesi a Ravenna.

La Battaglia del Senio
Col termine "Battaglia del Senio" gli storici intendono riferirsi all'offensiva alleata che portò all'avanzamento del fronte ravennate lungo tutto il corso del fiume Senio divenuto famoso nelle cronache di quei giorni, per aver concluso la guerra in Romagna e, nel giro di due settimane, anche tutta la Campagna d'Italia avviata dagli eserciti anglo-americani nel luglio 1943 contro i tedeschi. Mentre i giovani affluirono nella 28° Brigata Garibaldi, dal dicembre 1944 al l0 aprile 1945, il resto della popolazione visse l'esperienza di un centro posto sulla linea del fronte di guerra. La popolazione si sottrasse ad ogni tentativo di allontanamento, resistette organizzandosi in modo da sopravvenire e attendere l'arrivo degli alleati. Il locale Comitato di Liberazione, inizialmente costituito dai rappresentanti dei partiti locali e dall'Arciprete, seppe tessere una tela di comitati di zona che provvedevano agli approvvigionamenti alimentari e alla raccolta di informazioni strategiche da inviare agli alleati. Il 10 aprile 1945 il Gruppo di Combattimento "Cremona" liberò Alfonsine. Il centro del paese era formato da un mucchio di macerie, essendo stato dapprima pesantemente bombardato dagli alleati e in seguito minato dei tedeschi prima della loro ritirata verso nord.

PER INFORMAZIONI

Ravenna Incoming
Tel. 0544 421247
Fax 0544 451539
E-mail: info@ravennaincoming.it

Orari di apertura:
dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 15.00

sabato e festivi:
Ufficio Informazioni Turistiche
Piazza San Francesco, 7 - Ravenna
Tel. 0544 482838
E-mail: iat@ravennareservation.it

NON PERDERTI LE NOVITA'

Iscriviti alla newsletter di Ravenna Incoming per pacchetti, eventi e altro.